Dal Vangelo secondo Clough

25.05.2021 10:43 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Dal Vangelo secondo Clough

Dal Vangelo secondo Brian Clough: ecco 5 frasi celebri del compianto tecnico inglese, che descrivono al meglio la sua idea di calcio…

1) Imbecilli e dirigenti

Gli ispettori delle compagnie di trasporti sono capaci di prendere in mano un volante di un autobus e questo è abbastanza logico. Nel calcio, purtroppo, qualsiasi imbecille, anche quelli che non hanno mai dato una pedata a un pallone, sono capaci di diventare dirigenti, addirittura presidenti di un club.

2) Calcio e matrimonio

Il football è come il matrimonio. Per una felice riuscita bisogna anzitutto avere un buon rapporto, e Revie non è riuscito ad ottenerlo. La Nazionale inglese non gioca per lui. Con ciò non voglio dire che non si sia impegnata, anzi credo che si sia data molto da fare, ma il rapporto chimico non è quello giusto fra la Nazionale e il suo manager. In una felice relazione ci si comporta nel modo giusto senza quasi saperlo. È come mandare un mazzo di fiori a tua moglie al momento opportuno e non ogni settimana. Revie ha giocatori che potenzialmente possono marciare forte insieme, ma lui non ha la chiavetta dell’accensione. E cosi la squadra non fa scintille.

3) Il Picasso del calcio

John Robertson era un giovane niente affatto attraente: se fossi stato giù mi sarei seduto di fianco a lui per sentirmi Errol Flynn al paragone. Ma dategli un metro di terreno ed era un artista: il Picasso del calcio.

4) Le palle alte

Se Dio avesse voluto che giocassimo a calcio tra le nuvole, avrebbe dovuto mettere l’erba lì su.

5) Top one

Non direi di essere il miglior allenatore al mondo, ma sono sicuramente nella top one.