Anche Messi perde le staffe

11.10.2021 18:03 di Gabriele Cantella   vedi letture
Anche Messi perde le staffe

È un tipo tranquilllo Leo Messi, ma a volte anche lui perde le staffe…

1) Capro espiatorio

Nel novembre 2020, al rientro dalla pausa dedicata alle Nazionali, Leo Messi, stanco delle continue accuse che gli vengono mosse, perde la pazienza e sbotta:

Sono stanco di essere considerato il problema di tutto nel club!

2) Il saluto 

L’estate scorsa, il saluto all’amico Luis Suarez, scaricato malamente dal Barça, diviene il pretesto per un duro attacco alla dirigenza del club blaugrana: 

Meritavi di essere salutato per quello che sei: uno dei giocatori più importanti nella storia del club, che ha realizzato cose importanti sia nel gruppo che individualmente. E non essere mandato via come hanno fatto loro. Ma la verità è che a questo punto non mi sorprende nulla.

3) Fuori i nomi!

La Pulce non le manda a dire neppure all’ex compagno Eric Abidal, che, in veste di Segretario Tecnico del Barcellona, aveva addossato ai calciatori la responsabilità del l’esonero di Valverde: 

Quando si parla di giocatori bisogna fare i nomi. E la dirigenza deve prendersi le sue responsabilità.

4) Arbitri e VAR

Furioso per l’eliminazione della sua Argentina in semifinale di Copa America per mano del Brasile, Messi sfoga la propria rabbia contro il direttore di gara, reo di aver favorito i verdeoro:

Si sono stancati di coprire le loro caz…e e quindi ormai gli arbitri non vanno più alla VAR.

5) Campi di patate

I campi brasiliani non sono curati come si dovrebbe e Messi ne denuncia l’inadeguatezza ad ospitare una manifestazione importante come la Copa America:

I terreni sono davvero messi male, non favoriscono il buon gioco. Sono in cattive condizioni ed è un peccato. La palla sembra un coniglio, è difficile controllarla, non è normale che la Copa America si giochi in campi del genere.