Eroi sul campo, uomini fuori: anche i campioni hanno paura

19.11.2021 16:05 di Gabriele Cantella   vedi letture
Eroi sul campo, uomini fuori: anche i campioni hanno paura

Anche i calciatori hanno paura: di cosa?

1) Bergkamp

La paura più grande di Dennis Bergkamp, lo sanno tutti, è quella di volare: l’ex attaccante di Inter e Arsenal non è più salito a bordo di un aereo da quella volta in cui un volo particolarmente turbolento lo lasciò letteralmente terrorizzato:

Non prenderò più l’aereo, è una vera e propria fobia per me. Ai tempi dell’Ajax, una volta stavamo volando sull’Etna, in Italia, quando incontrammo una turbolenza terribile e ho deciso: non volerò mai più in vita mia.

2) Ronaldo

L’attacco epilettico di cui fu vittima alla vigilia della finale di Francia ‘98 sconvolse a tal punto Ronaldo, che il ricordo lo condizionava ancora quattro anni dopo, quando il brasiliano si apprestava a scendere in campo contro la Germania nell’ultimo atto del Mondiale in Corea e Giappone:

Avevo paura di andare a dormire dopo il pranzo con la squadra perché pensavo che avrei avuto nuovamente le convulsioni. Il giorno dopo, quando salimmo sul pullman per arrivare allo stadio, lasciai tutto alle spalle.

3) CR7

Di cosa ha paura Cristiano Ronaldo? Niente lo spaventa come la morte:

La mia più grande paura è quella di morire giovane. Voglio morire da vecchio, quando avrò 80 o 90 anni.

4) Owen

Gli infortuni, in particolare quelli muscolari, hanno costellato e frenato la carriera di Michael Owen, che in campo veniva costantemente condizionato dalla paura di farsi male:

Quando mi sono fatto male per la prima volta gli adduttori, sono finito. Davvero. Ho cambiato il mio modo di giocare, non ero più quello di prima. Mi ricordo che quando McManaman prendeva il pallone e poteva lanciarmi in profondità pensavo ‘no, non puoi farlo, ti prego, passala corta’.

5) Pogba

La paura dell’acqua per uno che è soprannominato Il Polpo suona come una contraddizione in termini, ma Paul Pogba non è quello che si dice un vecchio lupo di mare:

Paul ha ascoltato il consiglio degli amici e sta prendendo molto sul serio la questione, tanto da fissarsi un obiettivo: vuole raggiungere le 10 vasche a nuoto. Anche se prima di entrare in acqua è un po’ in ansia, ma una volta entrato si lascia andare.