Auguri a... 6 luglio - Gigi Beghetto

L'ex attaccante compie 45 anni
06.07.2019 07:00 di Carlo Tagliagambe Twitter:    Vedi letture
Luigi Beghetto
Luigi Beghetto

Luigi Beghetto, un nome una garanzia. Centravanti alto, fisicamente importante e dotato di ottimo fiuto per il gol, Beghetto ha fatto -negli anni '90 e 2000- le fortune di molti club di serie A e B. Nato a Bassano del Grappa nel 1973, muove i primi passi nel mondo del calcio proprio nel Bassano Virtus nel campionato dilettanti.

I suoi gol fanno gola ai prodessionisti ed è il Vicenza ad accaparrarselo: qui gioca poco, almeno inizialmente, ma riesce comunque a realizzare un gol in Coppa Italia contro la Samp. Quindi i prestiti a Carpi e Fidelis Andria e poi il passaggio al Genoa e quindi al Pescara in coppia con Cammarata. 

Ma è l'aria di casa a far tornare il sorriso (e i gol) a Beghetto: tornato in Veneto tra le fila del Treviso si rende protagonista di due stagioni importanti che convincono il Cagliari ad investire su di lui ben 7 miliardi di lire per ricomporre la coppia con Cammarata. Le cose però non andranno come sperato: un sol gol nell'esperienza cagliaritana e un nuovo ritorno in Veneto, questa volta al Chievo, dove sarà comprimario nei Mussi Volanti di Del Neri trovando esordio e primo gol in serie A. 

La rinascita avviene a Piacenza, in serie B: fortemente voluto da Gigi Cagni, Beghetto ritrova il feeling con il gol e con la piazza, diventando anche capitano dei biancorossi. Quindi il Treviso, ripescato in serie A, lo richiama per guidare l'attacco: Beghetto accetta, firma la prima vittoria in A dei biancoazzurri e poi resta anche dopo la retrocessione diventando una vera e propria bandiera della formazione trevigiana. Chiude poi la carriera in Svizzera, tra i ranghi del Bellinzona nel 2009. 

Oggi Beghetto, che nel frattempo si è laureato a Padova in Scienze Politiche (con tesi sulla violenza negli stadi) ha iniziato la sua nuova carriera da direttore sportivo