Roma-Milan 1-1, pagelle e contropagelle del Milanologo: San Gigio nel giorno di San Biagio, Piatek è un cobra. Suso-Calha, non ci siamo...

I voti del match dell'Olimpico
03.02.2019 22:36 di Carlo Tagliagambe Twitter:   articolo letto 259 volte
Milan, pagelle
Milan, pagelle

ROMA-MILAN 1-1

Le pagelle di Carlo Tagliagambe
Milan (4-3-3)
Donnarumma:
prima spiega tutti i suoi due metri per dire no prima a Dzeko e poi a Zaniolo, poi decide di fare il fenomeno con il doppio intervento sul colpo di testa di Schick e sul tap-in a botta sicura del bosniaco. L'unico errore della sua partita è un pallone che gli scivola dalle mani e finisce in angolo, dove comunque torna a volare sulla frustata del 9 giallorosso. Voto 8
Calabria:
fatica a contenere le incursioni di Zaniolo e Florenzi nel primo tempo, prende qualche contromisura in più nella ripresa. Voto 5,5
Musacchio:
anche lui va parecchio in difficoltà nel marcare un animale d'area di rigore come Dzeko e combina la frittata in occasione del pareggio giallorosso dove, per poco, non infila Donnarumma con il più classico degli autogol. Voto 5,5
Romagnoli:
decisamente meglio del compagno, ci mette il piedone un paio di volte per spazzare l'area di rigore. Voto 6
Rodriguez:
non perfetto in occasione del pareggio giallorosso, per il resto partita con i remi in barca. Voto 5,5
Kessie:
primo tempo intraprendente, ma nella ripresa -stanco- fa un po' fatica contro la dinimicità dei giallorossi. Qualche contropiede di troppo gettato alle ortiche. Voto 6
Bakayoko:
ad inizio gara è quasi imbarazzante la semplicità con cui ruba i palloni dai piedi degli avversari, nel finale però perde lucidità e commette qualche errore di troppo che rischia di vanificare il tutto. Voto 6
Paquetà:
tempo di Carnevale e, siccome ogni scherzo vale (specie dalle parti di Rio), il trequartista dai piedi buoni si trasforma in medianaccio rognoso, ipnotizza Pellegrini con un samba fuori stagione e, con le unghie e con i denti gli soffia il pallone che Piatek trasforma nello 0-1. Cala fisicamente nella ripresa, dove si fa notare più per le proteste per il rigore non dato su Suso che per le sue giocate. Voto 6,5
dal 77' Castillejo:
buona la sventagliata per Laxalt nel finale. Meritava più spazio. Voto 6
Suso:
steso in area da Kolarov nella ripresa, si innervosisce e comincia a tirare praticamente da tutte le posizioni, col risultato che, con una punizione respinta dalla barriera, scatena il contropiede di El Shaarawy che, per poco, non si trasforma in pareggio. Voto 5
dall'87' Laxalt:
a momenti la risolve lui con una giocata da fenomeno nei cinque minuti scarsi che gli vengono concessi. Voto 6,5
Piatek:
un po' cobra per come serpeggia alle spalle degli avversari, un po' re Mida per come riesce a trasformare quasi tutti i palloni in oro. Oro colato, nel caso di questa sera. Con lui si gioca, finalmente, anche in verticale. E, soprattutto, si segna. Voto 6,5
dall'87' Cutrone:
pochi minuti per giudicarlo. S.V.
Calhanoglu:
dopo l'ennesima prestazione del genere comincia ad insinuarsi il dubbio che giochi per gli avversari. Non azzecca neanche il più semplice dei passaggi, vanifica uno, due, tre diversi contropiedi. Cosa bisogna fare per vederlo accomodarsi in panchina? Voto 4,5
All. Gattuso:
Milan solido, specie quando nel primo tempo si affida al contropiede. Peccato che nella ripresa i rossoneri entrino in campo troppo molli e vengono quindi puniti alla prima occasione buona. FInale in sofferenza: i cambi andavano anticipati. Ciòdetto resta un punto guadagnato, anche grazie ai miracoli di Donnarumma. Voto 6


Le contropagelle del Milanologo
Donnarumma 7.5:
Altra prestazione in versione Super Gigio. Almeno 5 parate super che salvano il Milan da una sicura sconfitta.
Calabria 5: Sempre in sofferenza sulle incursioni di Zaniolo e Kolarov. Serata da dimenticare.
Rodriguez 5.5: Nel primo tempo tiene botta con esperienza, nella seconda parte si fa bucare come nel caso del gol del pareggio.
Musacchio 5.5: Fa a sportellate con Dzeko a volte ne esce vincitore a volte meno.
Romagnoli 7: Ennesima prestazione monstre del capitano, in cui ha dovuto mettere molte volte la pezza su errori altrui.
Bakayoko 5: I troppi complimenti hanno fatto male al gigante d'ebano che cerca troppe giocate di fioretto quando in realtà è più adatto alla clava.
Kessie 6: In leggera ripresa rispetto alle ultime opache prestazioni sopperisce in maniera puntuale a qualche distrazione di troppo del Baka.
Paqueta 6.5: In una partita dove il Milan pensa più a contenere riesce a tirare fuori dal nulla l'assist vincente per il gol del momentaneo vantaggio.
Suso 5: Annullato da Kolarov non lo si nota praticamente mai. Fisicamente non è al massimo ma è lecito aspettarsi qualcosa di più da lui.
Chalanoglu 4.5: Ennesima non partita del turco che lascia praticamente in 10 la squadra per 90 minuti. Qualche partita in panchina potrebbe fargli bene. Piatek 7: Clienti scomodi Fazio e Manolas ma il pistolero con un guizzo da centravanti vero li castiga nell'unica occasione utile. Cecchino.
Castillejo 6: Venti minuti per dare freschezza ad un attacco un po' stanco.
Cutrone S.V.: Pochi minuti per Patrick nel convulso finale.
Laxalt S.V.: Buttato in campo nel finale sfiora il gol vittoria con un bel destro parato da Olsen.
Gattuso 5.5: È chiaro che questa squadra non sarà mai bella da vedere ma tremendamente redditizia, però la gestione dei cambi stasera andava fatta forse meglio.