Benevento-Atalanta 1-4, le pagelle giallorosse

I voti dell'anticipo della 17esima giornata
09.01.2021 16:53 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Benevento-Atalanta 1-4, le pagelle giallorosse

BENEVENTO-ATALANTA 1-4

Le pagelle di Luca Coscia

Benevento (4-3-2-1)

Montipò 6.5: nel primo tempo viene preso a pallonate ma lui tiene a galla la baracca. Niente può sulle reti subite.

Maggio 5.5: a quasi 39 primavere, dopo un primo tempo da gladiatore in cui riesce a contenere le incursioni dal suo lato, cala alla distanza, dimenticandosi di Toloi sul 2-1.

Glik 6: tenere a bada uno come Zapata non è da tutti. Quando gira dalle sue parti, non passa.

Barba 6: finchè la barca regge, lui è il migliore, andando a mettere una pezza dove ci sono falle. Cala dopo l’1-3 che taglia le gambe ai sanniti.

Foulon 4.5: ha la sfortuna di beccare Ilicic dalle sue parti che lo ammattisce. Saltato sistematicamente, rimedia anche un giallo. (Dal 1’ st Pastina 6.5: dopo cinque minuti dal suo esordio, pennella l’assist a Sau. Qualche errore di gioventù ma la stoffa c’è.)

Dabo 6.5: in una partita in cui servono più i muscoli che la qualità, si esalta, nonostante i bergamaschi lo fanno soffrire. Da la palla a Pastina da cui nasce l’1-1. (Dal 58’ Hetemaj 5: entra e la gara cambia ma in peggio. Non ne indovina una.)

Schiattarella 5.5: 55 minuti ad alto livello, con gamba accompagnata alla qualità. Dal 2-1 in poi è un disastro, non indovinando praticamente più nulla. 

Ionita 5: nel primo tempo, nonostante la sofferenza, tiene botta. Nella ripresa, però, quando gli orobici cambiano passo, dalle sue parti si aprono voragini. (Dall’81’ Del Pinto: s.v.)

Improta 6: nel primo tempo è il migliore quando, grazie alla sua corsa riesce a dare una mano in copertura ed a prendere anche qualche fallo. Dirottato a sinistra, di fatto sparisce complice la verve di Ilicic.

Sau 6.5: non si vede praticamente per tutta la gara ma l’unico pallone che tocca, lo spinge in rete. Prezioso nel primo pressing, esce stremato. (Dal 58’ Insigne 5: il suo ingresso dovrebbe dare maggiore fantasia ma si vede in una sola occasione)

Lapadula 6: tanto lavoro di sacrificio, andando a fare a botte con i difensori avversari, cercando di far salire la squadra. (Dal 58’ Di Serio 5: evanescente, il suo nome non viene mai pronunciato in cronaca)

All. Inzaghi 5.5: ha l’attenuante di essere in totale emergenza, ma dopo un primo tempo di sofferenza, in cui resta comunque in partita, ha l’intuizione di indovinare il cambio Pastina e passare ad una difesa a tre. Trovato il pareggio, compie un triplo cambio inspiegabile, che di fatto rompe gli equilibri appena trovati.