Le notti brave di David Villa

27.10.2021 09:49 di Gabriele Cantella   vedi letture

Si dice che la vita da atleta sia inconciliabile col divertimento, ma David Silva è l’eccezione che conferma la regola: lo spagnolo se la gode senza che il suo rendimento in campo ne risenta minimamente…

Birra e pancetta 

Adora la birra David Silva e odia correre, ma col pallone tra i piedi fa sempre la differenza, parola di Micah Richards: 

David Silva ama farsi una bevuta, non avete idea di quanto. Non gli darà fastidio se ve lo dico, adora la birra. E ha anche la pancetta, è uno che odia correre. Ma ha un talento naturale incredibile. 

Quella volta a Los Angeles

Se c’è da fare baldoria fino all’alba, David Silva non si tira mai indietro, come quella volta a Los Angeles, quando, insieme a Richards ed altri compagni di squadra, lo spagnolo viola il coprifuoco imposto da Roberto Mancini e sgattaiola fuori dall’albergo che ospita il ritiro del Manchester City:

Una volta a Los Angeles Mancini ci ha detto che potevamo uscire la sera, ma a cosa serviva metterci il coprifuoco a mezzanotte? A quell’ora le discoteche aprono! 

Fresco come una rosa

Nonostante una notte brava in giro per i locali della movida di Los Angels, l’indomani David Silva si presenta all’allenamento in perfetta forma, inarrestabile palla al piede:

Non siamo tornati fino alle sei di mattina. E David Silva è quello che ha chiuso la serata. La mattina dopo in allenamento era lì che correva, sempre il primo con il pallone tra i piedi. E io tra me e me pensavo, ‘ma come c***o è possibile?’. Non è mica giusto! Ma a lui non dispiace che io racconti queste cose, perchè è una vera leggenda.