Italia, il Pagellone dei Campioni

13.07.2021 09:20 di Gabriele Cantella   vedi letture
Italia, il Pagellone dei Campioni

IL PAGELLONE DEI CAMPIONI

DONNARUMMA: monumentale, superbo, straordinario, insuperabile!!! Appone la sua prestigiosa firma in calce al trionfo azzurro, con parate mai banali! Dal dischetto non c’è quasi modo di fargli gol! VOTO 9,5

DI LORENZO: bravo a spingere, ma anche dietro se la cava egregiamente, a parte qualche piccola sbavatura che però ci può stare. VOTO 6,5

BONUCCI: difensore, regista, goleador e rigorista! Chi più ne ha  più ne metta! VOTO 8

CHIELLINI: anche con una gamba sola, è ancora il migliore! Gli avversari gli rimbalzano addosso, non importa se si chiamano Kane Lukaku! Clonatelo!!! VOTO 9

SPINAZZOLA: finché non si fa male è per distacco il migliore tra gli Azzurri! Imprendibile sulla corsia mancina, non lo raggiungono neppure in sella ad uno scooter! VOTO 8

BARELLA: quantità e qualità, dinamismo e palleggio, inserimenti e gol! Bellissimo quello al Belgio, che certifica la definitiva esplosione del gioiellino interista! VOTO 7,5

JORGINHO: metronomo ed equilibratore, alza e abbassa i ritmi a seconda dei momenti, sempre col pallone incollato al piede! Dopo la Champions, anche l’Europeo e poi, chissà… Il Pallone d’Oro? VOTO 8

VERRATTI: parte in panca per i postumi di un infortunio, ma poi si prende le chiavi del centrocampo e non le molla più! Palleggiatore raffinato, ma anche randellatore all’occorrenza! VOTO 7

CHIESA: semplicemente fenomenale! Impressionante la sua capacità di incidere quando conta, commovente la sua generosità! VOTO 8,5 

IMMOBILE: semplicemente improponibile a certi livelli! Una palla al piede, un inutile peso per la squadra! VOTO 4

INSIGNE: il gol al Belgio rimarrà a lungo nei nostri occhi! Gli mancano ancora quella continuità e quella concretezza che gli farebbero compiere il definitivo salto di qualità, ma su questo trionfo c’è anche la sua firma! VOTO 7

LOCATELLI: titolare nelle prime due gare al posto di Verratti, illumina il palcoscenico con giocate di straordinaria qualità, malgrado l’ancor giovane età e l’inesperienza a livello internazionale! Da applausi la sua doppietta alla Svizzera! VOTO 7,5

PESSINA: l’uomo in più, l’asso che spariglia le carte! Centrocampista col vizio del gol, ne segna uno al Galles e un altro pesantissimo all’Austria! VOTO 7

BERARDI: perde il posto da titolare a beneficio dell’incontenibile Chiesa, ma si dimostra sempre importante anche a partita in corso! VOTO 6,5

BELOTTI: qualche scampolo, tanta generosità, ma zero gol! VOTO 5

CRISTANTE: risponde presente quando viene chiamato in causa! VOTO 6

ACERBI: sostituisce l’acciaccato Chiellini contro Galles ed Austria e se la cava egregiamente! VOTO 6,5

EMERSON: sostituire Spinazzola non era impresa facile, ma, seppur con caratteristiche diverse, lo fa in modo convincente! VOTO 6,5

FLORENZI: si rompe subito e si rivede soltanto al momento di alzare la coppa. S.V.

BERNARDESCHI: c’era chi avrebbe meritato più di lui la convocazione, ma, pur giocando pochissimo e non facendo nulla di rilevante, ha il merito di fare dentro dal dischetto contro Spagna e Inghilterra! VOTO 6 +

CASTROVILLI: S.V.

SIRIGU: S.V.

MERET: S.V.

TOLOI: S.V.

BASTONI: S.V.

RASPADORI: S.V.

ALL. MANCINI: ha ereditato le macerie post Ventura e ci ha costruito sopra un trionfo dolcissimo e meritatissimo!!! VOTO 10