Ricordate Rodney Strasser?

29.03.2021 08:11 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Ricordate Rodney Strasser?

Ricordate Rodney Strasser? A distanza di quasi dieci anni dal suo addio al Milan, l’ex meteora rossonera svela alcuni inediti retroscena della sua esperienza italiana: ecco le confessioni del centrocampista della Sierra Leone…

L’approdo al Milan

Rodney Strasser sbarca in Europa nel 2007 per un torneo giovanile durante il quale si fa notare dagli osservatori del Milan, che gli propongono un provino col club rossonero:

Ricordo che avevamo fatto un torneo in Europa con un club della Sierra Leone. Poi mi hanno chiamato al Milan per fare un provino, l’ho superato ed è iniziato tutto. Con la Primavera ho vinto la Coppa Italia nel 2009-10, c’era anche De Sciglio in squadra. Ricordo la finale, è stata una bella soddisfazione. Poi sono in arrivato in prima squadra.

Ibra e Onyewu

C’era anche Strasser ad assistere alla lite in allenamento tra Ibrahimovic e Onyewu, uno scontro tra Titani, che l’ex centrocampista del Milan ricorda così:

Io c’ero. Per fortuna la rissa è durata pochi minuti. Vedere due giganti fare a pugni fa paura. Qualcuno ha provato a separarli, non è stato semplice. Per fortuna poi tutto è tornato come prima.

Giornata memorabile

Il ricordo più dolce dell’esperienza di Strasser al Milan resta il gol al Cagliari, l’unico segnato in maglia rossonera, una rete decisiva che gli valse i complimenti di Massimiliano Allegri:

Quando si parla di Strasser, la prima cosa a cui i tifosi pensano è il mio gol contro il Cagliari: è stato importante per me e per la squadra. Sono entrato in campo e ho segnato. Allegri era contentissimo quel giorno. Mi aveva detto che ero stato bravo e che ero sulla strada giusta.

Il gol di Muntari

A distanza di quasi dieci anni, Strasser non ha dimenticato il gol non convalidato a Muntari in quel Milan-Juve della stagione 2011/12:

Ha cambiato sicuramente la storia di quella stagione, poi la Juventus ha vinto lo scudetto. Con quel gol forse avremmo vinto noi il campionato: questo sì. Quel Milan era ancora tanto forte. La storia del Milan però è impossibile da cambiare.

Tempo libero

Quando non è impegnato sul campo, Strasser si dedica all’interior design, ma non solo:

Mi affascinano le case e l’architettura degli interni. In futuro mi piacerebbe fare qualcosa del genere. Poi mi diverto ad andare sullo scooter, a volte anche sulla spiaggia: mi fa rilassare.