Calciatori e giocolieri: 5 numeri da circo visti sul campo

13.09.2021 15:52 di Gabriele Cantella   vedi letture
Calciatori e giocolieri: 5 numeri da circo visti sul campo

C’è chi, sul rettangolo verde, è capace di autentici prodigi, apparendo agli occhi degli spettatori meglio di Harry Potter: ecco 5 trucchi magici del calcio che ci hanno lasciati a bocca aperta…

1) La Cuauhtemiña

Ai Mondiali di Francia ‘98 fa la sua comparsa sul campo la Cuauhtemiña, marchio di fabbrica del messicano Cuauhtemoc Blanco: una particolare tecnica consistente nel saltare col pallone stretto tra i piedi per superare il proprio diretto marcatore! Tutti ricordiamo l’ex numero 10 della Tricolor mentre si esibisce nella sua iconica signature move: come lui nessuno mai!

2) Il tunnel

Quanto a irriverenza, Omar Sivori non era secondo a nessuno, dunque non stupisce il fatto che sia stato proprio il Cabezòn a istituzionalizzare il tunnel, facendone un marchio di fabbrica. Prima di lui, erano stati Guillermo Stabile e Renato Cesarini, anche loro argentini, a rivelare agli occhi del pubblico italiano l’arte di far passare il pallone tra le gambe del malcapitato avversario di turno. 

3) Doppio passo

Se il Paso Doble è una danza di origine spagnola, il Doppio Passo è un marchio di fabbrica brasiliano, la trademark move di Ronaldo: un colpo da Fenomeno, che manda al bar qualunque avversario!

4) Garrincha’s Feint

Sarà stato forse per quei 6 centimetri di differenza nella lunghezza delle gambe oppure per il bacino sbilanciato che Garrincha metteva con sedere per terra ogni avversario gli si parasse davanti: il suo dribbling era inarrestabile, le sue finte ubriacanti, impossibile sbarrargli la strada! La sua giocata tipica consisteva nel puntare il proprio diretto marcatore arrestandosi all’improvviso ed inducendolo così a fermarsi per poi allargarsi sulla destra e ripiegare quindi sul lato opposto!

5) L’elastico

Marchio di fabbrica di Ronaldinho, l’elastico rimane nell’immaginario collettivo tra i colpi più spettacolari di sempre: consiste nel toccare rapidamente il pallone con l’esterno del piede prima e l’interno immediatamente dopo, imprimendo alla sfera un cambio di direzione fulmineo che lascia l’avversario disorientato e immobile!