Zlatan lo ‘sborone’: le spacconerie dello svedese!

25.01.2021 19:39 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Zlatan lo ‘sborone’: le spacconerie dello svedese!

C’è chi lo considera uno spaccone, ma Ibra non riesce proprio a tener a freno il suo smisurato ego: ecco 5 deliri d’onnipotenza di Zlatan…

1) Ibra vs Zapata

Provocare uno come Zlatan Ibrahimovic non è mai una buona idea, lo ha imparato a sue spese Duvan Zapata, reo di aver ironizzato sui tanti rigori concessi al Milan e zittito così dallo svedese:

Ho fatto più gol io che partite in carriera tu! 

2) God is back!

Non è un mistero che Ibrahimovic abbia un’elevata considerazione di sè stesso, ma lui non perde occasione per ricordarlo a tutti… Qualche mese fa, lo svedese ha postato una foto del Duomo di Milano, corredandola con la seguente didascalia:

La Casa del Signore.

Il Signore in questione ovviamente era Zlatan, ma se qualcuno per caso nutrisse dubbi in proposito, ecco la conferma: al suo ritorno in Italia dopo il lockdown, Ibrahimovic si annunciò così…

Dio è tornato. E vi osserva dall’alto.

3) La differenza tra calcio e baseball

La modestia non figura di certo tra le qualità di Ibra: lo svedese è convito di essere il migliore e lo dichiara pubblicamente, senza preoccuparsi di risultare presuntuoso… Così, quando Zlatan dice addio alla MLS, si congeda alla sua maniera:

Volevate Zlatan e ve l’ho dato. Prego. La storia continua. Ora tornate a guardare il baseball…

4) Lesa Maestà

Giocare nella MLS ha rappresentato un passo indietro nella carriera di Ibrahimovic, ma lo svedese ha accettato la sfida, convinto di poter alzare il livello di un campionato di seconda fascia… Per questo Zlatan pretendeva che tutti si mettessero al suo servizio, facendogli arrivare il pallone quando e dove si aspettava di riceverlo:

La MLS non è al livello di quello europeo. Bisogna essere onesti. Non accetto che non mi arrivi la palla o che mi arrivi troppo tardi.

5) Niente provìni!

Quando un giovanissimo e ancora semi sconosciuto Ibrahimovic viene segnalato all’Arsenal, Arsene Wenger ritiene di sottoporlo ad un provino prima di decidere se ingaggiarlo o meno, ma lo svedese non ci sta e replica stizzito:

Mi dispiace, ma Zlatan non fa provìni!