Milan-Venezia 2-0: le pagelle rossonere

I voti del match di San Siro
22.09.2021 22:38 di Carlo Tagliagambe Twitter:    vedi letture
Milan-Venezia 2-0: le pagelle rossonere

MILAN-VENEZIA 2-0

Le pagelle di Carlo Tagliagambe
MILAN (4-2-3-1)
Maignan:
siccome palloni dalle sue parti non ne arrivano, si esercita nel pennellare rilanci per i compagni. Voto 6
Kalulu:
elegante negli anticipi, devastante quando affonda, deve solo sistemare la mira quando calcia. Ma il ragazzo si farà, eccome. Voto 6,5 
Gabbia:
non rischia niente nell'ora in cui sta in campo e strappa applausi con qualche buon anticipo. Pioli ora sa che può contare anche su di lui. Voto 6
dal 59' Tomori:
un solo affondo dei suoi. Tanto basta per la standing ovation. Voto 6
Romagnoli:
altra partita ordinata e senza sbavature da aggiungere al filotto. Voto 6,5 
Ballo Touré:
un po' irruento nei contrasti e arrugginito nelle gambe. Niente di indimenticabile, ma nemmeno poi così male. Voto 6
dal 59' Theo Hernandez:
entra giusto in tempo per servire a Brahim Diaz la più facile delle palle da spingere in retee poi, nel finale, chiude la gara con un siluro di sinistro. Con tanti saluti a chi ha criticato il suo recente stato di forma...Voto 7,5 
Tonali:
detta i tempi alla squadra e fa sentire il fisico quando ci vuole. Voto 6,5 
Bennacer:
comincia a carburare anche lui e la sua condizione cresce di partita in partita. Voto 6,5 
Florenzi:
passi in avanti a livello di condizione, si intravedono i primi uno-due con i colleghi di reparto. Di lui ci sarà un gran bisogno. Voto 6
dal 59' Saelemaekers:
si presenta con un pallone sbagliato che fa rivivere i fantasmi dello Stadium, poi però dal suo piede partono entrambi i gol, oltre ad un paio di serpentine che gli valgono l'ovazione di tutto San Siro. Voto 7,5
Brahim Diaz:
lo si vede dappertutto, a rincorrere avversari al limite dell'area e in inserimento nell'area piccola avversaria. Tra le linee crea sempre pericoli, perfetto nel farsi trovare ancora una volta nel posto giusto. Voto 7
dall'80' Kessie':
pochi minuti per lui. S.V. 
Rafael Leao:
quando strappa è devastante, quando dribbla un piacere per gli occhi. Però siamo alle solite: difficilmente chiude bene un'azione ed è troppo fumoso e poco concreto sottoporta. Voto 6,5 
Rebic:
quando si apposta al limite dell'area sembra un felino che studia la preda in attesa di piazzare la zampata che però stasera non arriva. Voto 6
dal 73' Pellegri: pochi palloni, ma buona abnegazione nel finale. Voto 6
All. Pioli: qualche esperimento di troppo in ottica turnover, ma il risultato alla fine gli dà ragione. Voto 6,5