PAGELLE - Fiorentina-Milan 2-1: Joaquin e Badelj cambiano la gara. Disastro Honda e Van Ginkel

I voti del match del Franchi
16.03.2015 21:00 di Carlo Tagliagambe Twitter:    Vedi letture
Destro e Aquilani
Destro e Aquilani
© foto di Liverani

FIORENTINA-MILAN 2-1
[55' Destro (M), 82' Gonzalo (F), 87' Joaquin (F)]

FIORENTINA (3-5-2)
Neto:
risponde sempre presente quando viene chiamato in causa. Voto 6
Richards:
fuori posizione e completamente spaesato nella difesa a tre disegnata questa sera da Montella, non riesce  a chiudere su Menez e Antonelli che, dalla sua parte, dilagano. Non a caso viene sostituito nella ripresa. Voto 4,5
dal 46' Badelj: 
il suo ingresso, di fatto, cambia l'inerzia della gara. Pressa, imposta, corre e dà finalmente un gioco fluido ai viola dopo un primo tempo davvero sottotono. Voto 7
G.Rodriguez:
anche lui ha avuto serate migliori di questa. Pesano le fatiche di coppa e pesa anche l'errore in uscita che spalanca la porta a Destro in occasione del vantaggio rossonero, ma è sempre lui a riabilitarsi segnando la rete del pareggio con una clamorosa frustata di testa. Voto 6
Basanta:
visibilmente affaticato anche lui, interviene spesso in ritardo e finisce per farsi anticipare più volte dagli attaccanti rossoneri. Coglie la traversa su un bello stacco di testa da calcio da fermo. Voto 5,5
Rosi:
gioca piuttosto alto tra Antonelli e Menez, inserendosi spesso e volentieri in avanti e trovando qualche traversone interessante, non sfruttato a dovere dai compagni. Cala nella ripresa, complice anche il terreno pesante. Voto 6
dal 79' Babacar: S.V.
Kurtic:
 è lui a perdere il pallone in occasione del vantaggio milanista. Voto 5
Aquilani:
tanti errori anche per lui, che troppo spesso tarda a liberarsi del pallone e non riesce a creare situazioni importanti a vantaggio dei suoi. Voto 5
dal 46' Joaquin:
ha gamba e voglia di farsi vedere in fascia e si propone fin da subito in fascia per provare a spingere la manovra viola. E ci riesce alla perfezione, considerato che prima serve l'assist per il pari, poi realizza lui stesso il gol del sorprasso viola. Voto 7,5
Borja Valero:
qualche errore di troppo nel far circolare palla nel primo tempo, sale poi in cattedra nella ripresa quando sfodera un'ottima prestazione fatta di tanti inserimenti e palloni ragionati. Voto 6,5
Pasqual:
affonda poco e si preoccupa piuttosto di contenere Abate, rientrato in campo con grande piglio. Voto 6,5
Ilicic:
tra i più attivi in avvio, quando si propone spesso tra le linee per impostare la manovra e prova il tiro da fuori, sfiorando l'incrocio dei pali. Poi driblling funambolici e tanta iniziativa. Promosso. Voto 6,5
Gilardino:
si muove parecchio in avanti e nel finale aiuta la squadra a salire mettendo tutto in campo. Voto 6
All. Montella:
la Fiorentina è stravolta dalle fatiche di coppa, è vero, ma la scelta inziale di schierare la difesa a tre contro il tridente rossonero non sembra proprio una genialata. Accortosi dell'errore di valutazione, il tecnico cambia in corsa e trova una rimonta importantissima anche per il morale, dimostrando grande umilità e un'ottima capacità di lettura.  Voto 7

MILAN (4-3-3)
Diego Lopez:
 ringrazia la traversa sul colpo di testa di Basanta ed è poi incolpevole sui gol subiti. Voto 6
Abate:
la sua velocità è preziosa nelle due fasi di gioco e il suo rientro è sicuramente un'ottima notizia per Pippo Inzaghi e per il Milan. Tra i più positivi. Voto 6
dall'85 Bonera:
entra e partecipa al disastro finale senza particolari responsabilità. S.V.
Mexes:
primo tempo importante, nella ripresa non riesce a dare sicurezza al reparto, specie sui palloni alti. Voto 5
Paletta:
granitico per oltre 80', anche lui è colpevole sui gol subiti. Voto 5,5
Antonelli:
attacca spesso e volentieri l'area di rigore avversaria nel primo tempo, nella ripresa non è esente da colpe sul gol di Joaquin. Voto 5,5
Van Ginkel:
lento e macchinoso nel far girare il pallone, non riesce a prendersi la responsabilità di impostare la manovra rossonera. Serve più personalità, specie nelle giocate. Voto 4
Essien:
gioca da fermo con ritmi 'da tartaruga'. Può farlo nel primo tempo, quando la Fiorentina appare in evidente difficoltà da un punto di vista atletico, ma la ripresa è un'altra storia... Voto 5
dall'89' Pazzini: S.V.
Bonaventura:
meno pimpante del solito, è tra i più penalizzati dal terreno pesante. Voto 5
Honda:
lento e abulico sia nel liberarsi del pallone che nel calciare. Involuzione paurosa per lui. Voto 4,5
dal 79' Cerci:
pochi minuti e nessuno spunto. S.V.
Destro:
un tiraccio completamente ciccato in avvio e un gol più casuale che altro. Che però, se non altro, dimostra che il senso del gol non l'ha perso. Voto 5,5
Menez:
ci mette grinta e voglia di fare, e lo dimostra con una buona cavalcata sventata all'ultimo dall'intervento di Kurtic. Poi qualche buona combinazione coi compagni e poco altro. Voto 5
All. Inzaghi:
Milan in costante difficoltà sui calci piazzati e poco pungente in avanti, a dispetto di una Fiorentina stanca e -specie nel primo tempo- particolarmente vulnerabile. Era lì che la partita andava chiusa. Invece il Milan ha fatto di tutto, dopo il vantaggio, per riportare in partita i viola, pagando dazio e subendo una rimonta che fa male. Voto 5