Cosa ne pensa Beppe Bianconero della Juve di Pirlo?

13.11.2020 12:59 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Cosa ne pensa Beppe Bianconero della Juve di Pirlo?

Juventus incompleta e poco attenta

L'inizio stagione 2020/2021 della Juventus è stato faticoso in quanto la compagine bianconera non riesce ancora a trovare lo spunto esatto per far sì che le partite vengano chiuse mettendo il risultato al sicuro.
I ragazzi di Andrea Pirlo sembrano troppo morbidi e spesso si trovano a dover rincorrere gli avversari pensando di più il gioco invece di aggredire l’area avversaria lasciando troppe volte il bando della matassa nei piedi dell’avversario di turno.
Si è parlato dell’importanza dei senatori rinnovando i contratti di Chiellini, spesso in infermeria, e Buffon che non sembra fondamentale. Ci si domanda ancora se questi soldi non sarebbero serviti di più sul mercato per eventuali altre operazioni.
Bentancur non si è ancora visto come ci si aspettava sfoggiando delle prestazioni non idonee al ruolo che ricopre mentre il nuovo arrivato Kulusevki ha brillato in varie occasioni ricoprendo più ruoli.
Morata si rivela per il momento l’uomo più in forma e che regge un reparto, quello offensivo, con caparbietà e tenacia nel limite delle sue capacità fisiche ed agonistiche.
Dybala non in condizione e Bernardeschi non recuperato non danno certezze al contrario di Cristiano Ronaldo che nonostante la sua età risulta essere ancora il CR7 che tutti conosciamo, fondamentale!
Centrocampo che pecca per l’assenza di un regista e difesa che deve colmare il vuoto lasciato sulle fasce adattando Cuadrado a terzino ed utilizzando il giovane Frabotta. Non sarebbe stato il caso di optare all’ingaggio di un difensore di fascia anziché all’acquisto di Federico Chiesa, ancora in fase di valutazione per quel poco che si è visto sul rettangolo di gioco?
Una Juventus denominata come “cantiere aperto” ed in fase di assestamento.
Non sarebbe il caso che il buon presidente Andrea Agnelli costruisse una squadra che potesse competere e giocarsela con le altre Big europee anziché dichiarare che il sogno Champions League non deve rimanere un sogno ma un solido obiettivo?
Staremo a vedere se il lavoro societario avrà ragione o se invece per l’ennesima volta…
Fino alla fine!

Beppe Petruzzini