Inter, quando un gol vale lo Scudetto

04.05.2021 14:35 di Gabriele Cantella   Vedi letture

Certi gol pesano più di altri, perché decidono le sorti di un’intera stagione: eccone 5 che i tifosi dell’Inter non dimenticheranno mai, poiché ciascuno di essi è valso uno Scudetto…

1) Milito vs Siena

16 Maggio 2010. Dopo la Coppa Italia, l’Inter conquista anche lo Scudetto, mantenendo il vantaggio di 2 punti sulla Roma grazie al successo sul Siena all’ultima giornata: è di nuovo il Principe a siglare la rete decisiva, chi sennò! Percussione inarrestabile di Javier Zanetti sulla sinistra: il capitano arriva sino al limite dell’area e serve l’accorrente Milito, che si presenta da solo di fronte all’estremo difensore avversario e lo batte con un implacabile tocco di esterno destro!

2) Beccalossi vs Milan

28 ottobre 1979, domenica. La domenica del derby della Madunina. Sugli spalti di San Siro non è rimasto un solo seggiolino vuoto, impossibile trovare un posto, neanche a pagarlo a peso d’oro. Il derby non è una partita come le altre, la posta in gioco è massima, l’imperativo è vincere! Lo sa bene Evaristo Beccalossi, numero 10 nerazzurro, che in quel pomeriggio d’autunno di fine anni ’70, non disputa una partita come le altre, disputa la partita, quella indimenticabile, forse irripetibile. Minuto numero 14, Altobelli va dalla bandierina e batte corto per Pasinato che crossa in mezzo all’area di rigore del Milan, dove è appostato Beccalossi. Mentre guarda il pallone intriso d’acqua spiovere verso di sè, Evaristo sa già cosa fare. Intorno a lui solo maglie rossonere, se aspettasse che la palla tocchi terra per controllarla, i difensori avversari si avventerebbero su di lui in un instante. La sola cosa che può fare è calciare in porta al volo, anticipando tutti. È così fa, impatta il pallone a mezz’aria con il piatto destro, indirizzandolo sul secondo palo, lì dove Albertosi non può arrivare. È il primo gol nel derby per Beccalossi, ma, come recitava un giovanissimo Stefano Accorsi in un noto spot televisivo di qualche anno fa, “two is megl che one”! E allora Evaristo insiste e raddoppia a 6′ dalla fine, appoggiando in rete da due passi il pallone del definitivo 2-0!

3) Ibra vs Parma

A 90’ dal termine del campionato 2007/08, il vantaggio dell’Inter sulla Roma si è ridotto ad un solo punto: i nerazzurri sono ancora padroni del proprio destino, ma devono vincere a Parma… La squadra di Mancini passa con Cambiasso, ma viene raggiunta da Cigarini e sorpassata da Gasbarroni: il triplice fischio si avvicina inesorabile, ma a Zlatan Ibrahimovic bastano appena 5’ per ribaltarla con una doppietta provvidenziale e regalare alla Beneamata il suo 16º Scudetto!