Il più brutto quarto d’ora di Andy Carroll

14.10.2021 16:49 di Gabriele Cantella   vedi letture
Il più brutto quarto d’ora di Andy Carroll

Di momenti difficili Andy Carroll ne ha affrontati tanti sul campo, ma il più brutto quarto d’ora della sua vita lo ha passato fuori…

Inseguito e minacciato

Fu ai tempi del West Ham che Andy Carroll, appena uscito dal centro sportivo degli Hammers, si ritrovò di fronte due uomini armati che gli intimavano di consegnare l’orologio:

Ho temuto per la mia vita. Sono stato inseguito per 25 minuti da due persone su una moto con le pistole in vista. Quando ho capito di essere arrivato quasi a casa, ho subito fatto inversione e sono tornato al campo di allenamento del West Ham.

A tutto gas!

Inseguito dai due malintenzionati, a Carroll non restava altro da fare che fuggire a tutto gas a bordo della sua auto per raggiungere più in fretta possibile il centro sportivo, rischiando schiantarsi contro un camion:

Stavo impazzendo. Non ho rispettato i semafori, ho guidato nella direzione opposta… Ero in autostrada e i camion venivano contro di me. In tutto quel tempo la moto è rimasta alla mie spalle. Per fortuna sono riuscito a tornare al campo di allenamento.