Genio e sregolatezza: i funamboli dell’Est Europa

05.03.2021 10:07 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Genio e sregolatezza: i funamboli dell’Est Europa

I calciatori dell’est sono celebri per il loro estro: ecco 5 grandi fantasisti balcanici…

1) Savicevic

Una strofinatina alla lampada ed ecco il Genio con il numero 10 sulle spalle materializzarsi sul campo per esaudire i desideri del popolo rossonero! Sono trascorsi ormai venticinque anni dalla finale di Atene, ma il pallonetto di Dejan Savicevic contro il Barcellona è ancora vivo negli occhi di tutti i tifosi del Milan!

2) Stoickov

Se si potesse attribuire una provenienza geografica a Dio, voi di che nazionalità lo immaginereste? La risposta a questo misterioso interrogativo la fornisce Hristo Stoickov, secondo il quale il Creatore non può che essere bulgaro… Bulgaro come lui, che in campo era capace di compiere autentici miracoli col pallone tra i piedi! 

3) Hagi

Sinistro fatato, numeri da illusionista, ma anche un carattere bizzoso e aggressivo: Jorge Hagi rimane ad oggi il miglior calciatore rumeno di ogni epoca, tanto da meritarsi l’appellativo certamente lusinghiero di Maradona dei Carpazi!

4) Stojkovic

Trequartista dai piedi raffinati, dotato di una visione di gioco illuminante, Dragan Stojkovic incanta l’Europa con la maglia della Stella Rossa, facendo ammattire il Milan di Sacchi negli ottavi di finale della Coppa dei Campioni 1988/89: un suo lampo squarcia la nebbia di Belgrado e Giovanni Galli non può far altro che raccogliere il pallone in fondo al sacco! 

5) Boban

Cervello del centrocampo del Milan e della Nazionale croata, Zvone Boban vedeva corridoi che nessun altro poteva anche soltanto lontanamente immaginare: ricordate il pallonetto a scavalcare la difesa della Juve, che manda in rete Weah nella partita chiave del campionato 1998/99?