Così Rossi diventò Pablito

23.09.2021 08:02 di Gabriele Cantella   vedi letture
Così Rossi diventò Pablito

Nel calcio, come nella vita, arriva un momento in cui accade qualcosa che d’un tratto devia il corso degli eventi, cambiando la storia: fu così che Paolo Rossi diventò per tutti Pablito…

Prima del Mundial

Storicamente, si fa coincidere la metamorfosi di Paolo Rossi in Pablito con la sfida tra Italia e Brasile al Mundial ‘82, ma l’origine di quell’incredibile trasformazione risale a due anni prima… 

La fiducia del ‘Vecio’

Travolto dallo scandalo calcio scommesse, anche se mai vi furono prove concrete di un suo effettivo coinvolgimento, Paolo Rossi deve scontare una squalifica di due anni e sente crollargli il modo addosso… Nell’ora più buia, però, una lama di luce squarcia l’oscurità: Enzo Bearzot, commissario tecnico della Nazionale, che lo aveva portato ai Mondiali in Argentina, gli rinnova la fiducia in vista della Coppa del Mondo in Spagna… Un gesto, quello dell’allora cittì, che pone le basi per nascita del futuro Pablito… 

Latte e brioches 

Fa appena in tempo a tornare in campo con la maglia della Juve che è già ora di partire per la Spagna, ma l’inizio è traumatico, la lunga inattività pesa come un macigno sulle gambe esili di Paolo, che non vogliono saperne di girare… È pallido e smagrito, per questo il cuoco al seguito della Nazionale italiana, tutte le sere, intorno alle 22:00, gli porta in camera un bicchiere di latte e una brioches! 

L’uomo allo specchio

Nelle prime tre partite contro Perù, Polonia e Camerun, Rossi paraticamente non tocca palla, aggirandosi per il campo come uno spettro… Bearzot lo difende, rispedendo al mittente le critiche di chi sostiene che avrebbe fatto meglio a portare in Spagna Pruzzo, capocannoniere dell’ultimo campionato di Serie A! Poi, il Vecio prende da parte Paolo e gli suggerisce di indossare la maglia azzurra anche in albergo per sentire il peso e la responsabilità di vestirla… Lui obbedisce e con quella maglia addosso si guarda allo specchio e nello specchio vede il bomber implacabile che era un tempo e che può tornare ad essere…

Il resto è storia

È in quell’istante che Paolo si trasforma in Pablito: l’uomo riflesso nello specchio è quello che trascinerà l’Italia alla conquista del Mondiale più voluto e meritato! Il resto è storia… Cross di Cabrini dalla sinistra per la testa del numero 20 azzurro, che infila Valdir Perez eccetera, eccetera, eccetera…