Chi ha detto che i fantasisti sono scomparsi?

27.01.2021 08:34 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Chi ha detto che i fantasisti sono scomparsi?

Chi credeva che i numeri 10 fossero ormai in via d’estinzione si sbagliava: il ritorno dei trequartisti testimonia che anche in Serie A la fantasia è salita di nuovo al potere…

1) Calhanoglu

Da oggetto misterioso a imprescindibile: dopo due stagioni in sordina, Calhanoglu ha conquistato tutti, mettendo il suo talento al servizio del Milan e meritandosi la maglia numero 10 che fu di Rivera, Gullit e Savicevic! Il turco svaria sulla trequarti, fungendo da raccordo tra centrocampo e attacco ed interpretando al meglio il ruolo di rifinitore!

2) Zaccagni

Trequartista moderno, Mattia Zaccagni unisce estro e concretezza, interpretando al meglio entrambe le fasi di gioco: abile nell’ultimo passaggio e sempre presente in zona gol, si smazza anche in interdizione e ripiegamento, mostrandosi centrocampista completo e polivalente!

3) Kulusevski

Trequartista dalla tecnica sopraffina, ma dotato di corsa e muscoli, Dejan Kulusevski sa interpretare al meglio tutti i ruoli dell’attacco, da quello di esterno offensivo a quello di seconda punta, ma all’occorrenza può anche scalare a centrocampo sia come mezzala che come laterale a tutta fascia!

4) Ilicic

Imprevedibile e geniale, Josip Ilicic non offre punti di riferimento agli avversari, galleggiando tra le linee e svariando su tutto il fronte offensivo: lo sloveno è l’uomo in più dell’Atalanta, quello che può decidere le sorti del match con una giocata improvvisa quando meno te l’aspetti!

5) Mkhitaryan

Sulle spalle porta il numero 77, ma Henrikh Mkhitaryan è il classico 10, abile nel rifinire l’azione offensiva, ma anche nel finalizzarla: gol, assist e invenzioni genitali nel bagaglio dell’armeno, variabile impazzita nello scacchiere tattico giallorosso!