Aguero lancia l'allarme: "Ora i calciatori hanno paura"

L'argentino de City contrario alla ripresa
02.05.2020 09:00 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Aguero
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Aguero

"La maggior parte dei giocatori ha paura di tornare a giocare, hanno figli, hanno una famiglia". Sergio Aguero, 31enne attaccante del Manchester City, si fa portavoce dei calciatori della Premier League e fa capire che una ripresa non e' l'ipotesi preferita. Domani i club si confronteranno a riguardo: l'idea e' quella di ripartire con gli allenamenti di gruppo il 18 maggio e ricominciare il campionato l'8 giugno. "Anch'io ho paura, sono a casa con la mia compagna e non entrero' in contatto con altre persone - le parole del Kun a una tv argentina riportate dalla Bbc - Ci sono persone che hanno il coronavirus e non hanno sintomi ma possono trasmetterlo, io stesso potrei averlo e non lo so nemmeno". Parlando dei suoi compagni al Manchester City, "saranno abbastanza nervosi e super attenti" quando si tornera' al lavoro. "La speranza e' che si trovi presto un vaccino e tutto questo finisca". Quella di Aguero non e' una voce isolata. Glenn Murray, attaccante del Brighton, ha definito "una farsa" alcune proposte contenute nel protocollo sanitario per la ripresa, come l'obbligo della mascherina per i calciatori. "Capisco che si voglia tornare a giocare ma bisogna farlo in modo giusto e sicuro. Ci saranno le ambulanze ai campi d'allenamento e alle partite ma mi chiedo: e' giusto sottrarle al servizio sanitario nazionale?". La Premier e' sospesa dal 13 marzo scorso e restano ancora 92 gare da giocare.