5 incredibili errori arbitrali

23.07.2021 11:16 di Gabriele Cantella   vedi letture
5 incredibili errori arbitrali

Anche i direttori di gara sbagliano: ecco 5 incredibili errori arbitrali di cui tutti ancora oggi si ricordano…

1) Il gol di Muntari

C’è poco da dire: quello di Muntari in Milan-Juve era gol! Il pallone era entrato di almeno un metro e mezzo, si vedeva ad occhio nudo, ma arbitro e guardalinee proprio non se ne accorsero… Altro che fantasma, quel gol era vivo e vegeto! 

2) Il rosso a Zola

Boston, 5 luglio 1994. Italia e Nigeria si sfidano negli ottavi di finale del Mondiale statunitense: gli Azzurri sono sotto di un gol e al 75’ le cose si complicano ulteriormente per l’assurda espulsione di Gianfranco Zola, cacciato dall’arbitro Brizio Carter per un fallo inesistente su Eguavoen! Il fantasista sardo sottrae il pallone al difensore africano in modo regolare, ma il direttore di gara gli sventola sotto il naso il cartellino rosso!

3) La sciagura Byron Moreno

Brucia ancora l’eliminazione dell’Italia per mano della Corea ai Mondiali 2002: sul risultato di 1-1, ai tempi supplementari sale in cattedra l’arbitro Byron Moreno, che prima annulla un gol regolare a Damiano Tommasi, quindi, non pago, espelle Totti per una presunta simulazione in area di rigore!

4) Il mani di Henry

Francia e Irlanda si giocano un posto ai Mondiali in Sudafrica: a spuntarla saranno i transalpini grazie ad un gol di Gallas, viziato da un precedente fallo di Henry, che controlla di mano un pallone destinato ad uscire oltre la linea di fondo e lo mette in mezzo per il compagno!

5) La mano de Dios

I gol si segnano coi piedi, le mani invece si usano per evitarli i gol. Non una grande scoperta in verità, sta scritto sul regolamento. Ma ogni regola che si rispetti, per essere confermata, deve avere la sua eccezione. Così capita che qualcuno le mani le abbia usate anche per segnarli i gol, vedi Maradona nei quarti di finale dei Mondiali di Messico ’86: la Mano de Dios beffa Shilton e regala al popolo argentino la rivincita sugli inglesi dopo lo ‘scippo’ delle Isole Falkland!