Napoli-Verona 2-0, le pagelle: Ancelotti vola col fattore M, decidono il portiere e il centravanti

Grande prova per Meret e Milik
19.10.2019 21:11 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Milik
© foto di www.imagephotoagency.it
Milik

Napoli-Verona 2-0

Le pagelle di Luca Coscia 

Napoli (4-4-2)

Meret 8: se il voto vi sembra esagerato, riavvolgete il nastro del match e tornate al minuto 17 quando fa tre parate, una più difficile dell’altra, nella stessa azione. Una saracinesca.

Malcuit 6: il binario destro con Callejon funziona molto bene ma in fase difensiva commette qualche sbavatura di troppo.

Koulibaly 6.5: l’ammonizione iniziale non lo condiziona. Vince qualsiasi duello e va a prendersi gli applausi con un assolo in cui i veronesi non riescono a togliergli il pallone.

Manolas 6.5: l’intesa con Koulibaly cresce di partita in partita. Strepitoso nei recuperi, la sua specialità.

Di Lorenzo 6.5: schierato a sinistra, spinge meno ma mostra comunque di essere un elemento affidabile.

Callejon 7: va sulla fascia, si accentra, da una mano in copertura e da il via all’azione del vantaggio. Il rinnovo, a questo punto, dev’essere un obbligo.

Allan 6: il metronomo appare ancora in difficoltà di condizione non riuscendo a dare il filtro necessario.

Fabian Ruiz 7: oltre all’assist per il primo gol, è sempre nel vivo del gioco. Quando tocca il pallone è sempre un piacere.

Younes 6: fa vedere le sue qualità anche se a sprazzi, d’altronde giocando poco, la gamba è quella che è. (Dal 64’ Zielinski 6: appena entrato si guadagna la punizione da cui nasce il gol. Per il resto ordinaria amministrazione).

Milik 8: il polacco finalmente si sblocca con due reti da opportunista. Ritrovato (Dall’80’ Llorente 6: tocca un solo pallone nel quale costringe Silvestri ad un grande intervento)

Insigne 6: ritorna a fare la seconda punta dove fa vedere cose egregie ma dal capitano ci si aspetta di più. Astuto sull’assist per il secondo gol. (Dal 75’ Mertens 6: da quando si è messo ad un solo gol da Maradona la sfortuna lo perseguita. Stavolta a dirgli di no non è un portiere ma il palo. Di certo l’appuntamento con la storia è solo rimandato) 

All. Ancelotti 7: stupisce ancora con Di Lorenzo a sinistra e Insigne seconda punta. Da fiducia a Milik che lo ripaga con una doppietta. La squadra tiene botta nel momento di difficoltà poi, trovato il vantaggio, va in scioltezza. Conservativi i cambi.