Mourinho, attacco di nostalgia: "L'Inter è un club che porto sempre nel cuore"

Lo special One ricorda i vecchi tempi
12.03.2018 09:00 di Redazione Calcissimo  articolo letto 38 volte
Mourinho
Mourinho

"Sono stato all'Inter soltanto due anni, ma il mio nome è lì, nella storia di un club che porto nel cuore. E questo per me è un grande orgoglio. L'Inter è una storia bellissima: prima di noi e dopo di noi. Questi anni senza titoli sono di transizione e bisogna accettarli con tranquillità e con speranza. Ma l'Inter sarà sempre l'Inter". Così José Mourinho, allenatore del Manchester United, alla Domenica Sportiva. Nell'intervista di Aurelio Capaldi, l'ex tecnico nerazzurro confessa: "Un po' l'Inter mi fa soffrire, anche se per soffrire mi basta già la mia panchina. Cerco sempre di guardare le partite dell'Inter e, quando non possibile, mi informo. E' un momento di transizione, non si può sempre vincere, vincere e vincere, prima o poi arriverà anche per la Juve un momento così". Sulla vittoria dei bianconeri a Wembley contro il Tottenham spiega: " Non tanti si aspettavano che la Juve potesse vincere a Londra dopo i primi 60 minuti. Ma io conosco la loro mentalità e so che con la Juve tutto è possibile fino alla fine". Ma a Mourinho piacerebbe incontrare la Juve in Champions? "Mi piacerebbe vincere contro il Siviglia. Il risultato dell'andata non è fantastico e lascia tutto aperto per noi e per loro. Quindi, la cosa importante adesso è battere il Siviglia".