Se lo dice Lei - Infortuni per tutti: le big fanno i conti con l'infermeria!

Il punto squadra per squadra
26.11.2019 08:02 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Niccolò Barella
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Niccolò Barella

INFORTUNATI
13° turno di campionato che ha portato a diversi infortuni sia per le big che per le altre squadre.
Non è un bene soprattutto in vista europea… È già tempo di Champions!

Questa giornata è partita con il big match delle 15: Atalanta-Juve, qualche rammarico per Gasperini ma comunque una bella prestazione nerazzurra. Poi è stata la volta di Milan-Napoli: a conferma della crisi sia azzurra che rossonera si termina con un pareggio a San Siro. Proseguendo sempre nello stesso giorno in prima serata c’è stato Torino-Inter: nonostante i granata sembrassero in ripresa non hanno potuto nulla contro gli uomini di Conte. Domenica è stata invece la volta della Roma che prosegue bene il suo cammino dopo “l’inciampo” contro il Parma.

Ora andiamo nel dettaglio delle Big anche per quanto riguarda gli infortuni:

Juventus
gli orobici tenute conto le assenze di Ilicic, Malinovski e Zapata riescono a mettere seriamente in difficoltà i campioni d’Italia che, prima dei gol del Pipita, si trovavano decisamente sopra i bianconeri per successo di gioco, intensità e voglia. Ma grazie a Higuain e Dybala che fanno la differenza la Juventus è riuscita a ribaltare una prestazione corale poco brillante. Ma Il pomeriggio di sabato è stato problematico per Maurizio Sarri che ha perso prima Federico Bernardeschi e poi Douglas Costa mentre per De Ligt non dovrebbero esserci dubbi sulla sua presenza contro l’Atletico nonostante la sublussazione alla spalla. Anche Cr7 dovrebbe presenziare per il match europeo.

Inter
Uno 0-3 che dà un messaggio di forza importante soprattutto alla Juventus dalla quale dista solo di un punto.
All’Olimpico "Grande Torino" Conte ha regalato un’inter-show con Lautaro, de Vrij e Lukaku che siglano il quarto successo consecutivo. La miglior partenza di sempre nella storia dell'Inter in Serie A, al pari della stagione 1950-'51. Ora testa alla Champions. Mercoledì è in programma l'appuntamento con lo Slavia Praga, decisivo per la qualificazione dei nerazzurri. Il Torino si mangia le mani per aver perso Belotti a inizio partita. Ma anche l’Inter dal punto di vista degli infortuni non scherza perché ha perso Barella, Sensi e Asamoah si trova in infermeria: emergenza centrocampo!

Milan
Finisce con un pari il duello fra Milan e Napoli. Entrambe avrebbero voluto trovare quel segnale di riscatto ma nessuna ha ottenuto la vittoria scacciacrisi. Questo punto ha la mera funzione di non aver incasssato una sconfitta. Il Milan ha giocato meglio, finale faticoso a parte. All’ultimo Suso non ha potuto presenziare per problemi intestinali: al suo posto Rebic. In tema Ibrahimovic Massara lo definisce: “una suggestione irresistibile ma resta una suggestione”. Adesso Pioli spera di recuperare Castillejo che manca da un po’, mentre bisogna valutare ancora l’infortunio di Rebic durante il match e quello di Duarte del prepartita.

Napoli
A San Siro i partenopei approccino alla partita in modo pensieroso e poco concentrao. Meglio il Milan.
il Napoli era passato in vantaggio ma si è fatto riprendere subito dopo. Carletto è stato accolto da molti applausi soprattutto dalla curva rossonera e lui ha ringraziato. Non se la passa bene Ancelotti e questo pari ne è la piena dimostrazione. Insigne si è infortunato durante Milan-Napoli. Il capitano azzurro sarà certamente assente per la sfida di Champions a Liverpool.

Roma
All’Olimpico la Roma recupera la precedente sconfitta con il Parma portandosi a casa un bel 3-0. La crisi delle rondinelle continua, complice forse l’assenza di Mario Balotelli.
Nessuna tegola in ambito infortuni per i giallorossi che al contrario della maggior parte delle squadre sta man mano recuperando giocatori.
 
Adesso testa alla Champions, Europa League e ovviamente sempre al campionato !

Ilenia De Sena