Qualificazioni Euro 2020: tra episodi e fortuna...

Il punto sulle Nazionali a firma di Ilenia De Sena.
10.09.2019 22:19 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Piatek
Piatek

Campionato fermo ma la Nazionale no. Durante questa settimana abbiamo visto l’Italia scendere in campo ben due volte: contro l’Armenia prima e Finlandia poi.

La prima sfida è stata più dura del previsto, la pausa estiva del gruppo potrebbe essere un motivo ma non un alibi. La squadra di mr Mancini fatica più del previsto per portare a casa un risultato utile.

Belotti segna ma poi fa un errore clamoroso e sbaglia un tiro verso la porta che molto probabilmente avrebbe segnato anche chi a calcio non ci ha mai giocato , bene ma non benissimo.

Bonucci fa un assist a Pellegrini ma simula sotto gli occhi di tutti e lascia così che gli armeni rimangano in dieci, il FairPlay è un valore ancora lontano per Leo. I due Milan Gigio e Romagnoli li ritengo sufficienti ma non indispensabili. I peggiori in campo : Florenzi, Verratti, Barella, Chiesa. Si salvano: Jorginho e Bernanrdeschi.

Il migliore invece è Emerson Palmieri: voglia di fare, visione di gioco e ottimo compagno di squadra, il “Salvatore” del match. Questa Italia in generale è apparsa molto spenta, sottotono, lenta e con veramente poca qualità e quantità nelle gambe, si ringrazi l’espulsione concessa visto che anche se l’Armenia era rimasta con dieci giocatori ha comunque dato del filo da torcere agli azzurrini.

Nulla di nuovo nello scontro di qualche giorno dopo contro la Finlandia a parte cambiare cinque undicesimi di Armenia-Italia. I primi 25’ sono faticosi per gli azzurri .

Immobile comincia insicuro, poi migliora man mano. Nel primo tempo si fa pericoloso due volte e nella ripresa segna di testa e ritrova il gol in Nazionale che mancava da due anni.

Chiesa questa volta fa meglio, nel primo tempo pennella per Sensi e Immobile, poi nella ripresa fornisce il passaggio del gol al numero 17, gioco di squadra !

Barella fatica ad entrare mentalmente in partita, pian piano ce la fa. Riesce a mettere in difficoltà la difesa della Finlandia ma ringraziamolo per il rigore gentilmente offerto, anche se sinceramente molto dubbio.

Sensi in campo fa bene però la sua ingenuità sul rigore regalato agli scandinavi delude un po’, la forza sta in chi cade e si rialza.

Chapeau per Pellegrini che ha esordito da esterno sinistro e rifinitore.

Quanta personalità Acerbi di fianco a Bonucci, buono il salvataggio dello juventino su Lappalainen.

In generale una vittoria decisamente più meritata di Armenia-Italia.

Mancano solo 4 punti al pass per la qualificazione agli Euro2020, sperando che ottobre porti una nuova forma a questa squadra e regali più emozioni . In bocca al lupo.

Ilenia De Sena