Milan-Brescia 1-0, pagelle e contropagelle del Milanologo: Bennacer, finalmente un regista! Gigio c'è, Silva delude

I voti del match di San Siro
31.08.2019 20:10 di Carlo Tagliagambe Twitter:    Vedi letture
Pagelle Milan-Brescia
Pagelle Milan-Brescia

MILAN-BRESCIA 1-0

Le pagelle di Carlo Tagliagambe
MILAN (4-3-2-1)
Donnarumma:
blocca praticamente tutto quello che transita dalle sue parti. Attento nelle uscite, agile nel tuffarsi. Voto 6,5
Calabria:
qualche buco di troppo in fase difensiva che potrebbe costare caro ai suoi, meglio quando sgroppa in avanti. Voto 5,5
Musacchio:
rischia poco e tiene botta, senza quasi mai andare in affanno. Voto 6
Romagnoli:
idem come sopra, la difesa tiene. Voto 6
Rodriguez:
non corre rischi particolari, non si prende licenza di offendere. Presidia la fascia serenamente. Voto 6 
Kessie:
partita di spessore a centrocampo, dove fa valere i suoi muscoli e la sua grinta lanciando un chiaro segnale al suo allenatore. Voto 6,5 
Bennacer:
guizzante e lucido nel distribuire palloni a destra e a manca. Un regista vero, da queste parti, non si vedeva da parecchio. Può essere lui la chiave di volta del sistema di gioco di Giampaolo. Cogito, ergo sum. Voto 7
Calhanoglu:
chiude l'asse con Suso finalizzando il pallone che vale la partita con un insolito colpo di testa. Quindi prende coraggio e sfoggia una prestazione di buona qualità trovando qualche pallone interessante per i compagni. Voto 6,5
dal 65' Paquetà:
centra il palo con un bel sinistro da fuori, libera Borini con un tacco da calcio bailado. In una Milan che ha dannatamente bisogno di qualità, la sua classe farà senz'altro comodo, a patto che Giampaolo riesca a disciplinarlo tatticamente. Voto 6,5
Castillejo:
alterna buone giocate ad ingenuità al limite del tollerabile. Giocatore veramente bizzarro. Voto 5,5
dall'80' Borini:
pochi minuti per lui. S.V.
Suso:
non c'è niente da fare, che piaccia o non piaccia, tutte le azioni più pericolose del Milan passano dai suoi piedi. Così anche il gol di Calhanoglu, che arriva proprio su cioccolatino confezionato dall'andaluso. E via col primo assist stagionale. Voto 6,5
André Silva:
Giampaolo prova a pescare il jolly dal mazzo, ma gli rimane in mano il due di picche. Spesso in ritardo, si fa anticipare dai difensori avversari e si divora il gol in un paio di occasioni. Risolvere la grana Silva non sarà semplice. Voto 5
dal 61' Piatek:
si divora subito un gol sparando in bocca al portiere, poi però fa la sponda a Paquetà con un preciso colpo di testa e, nel finale, apre il grandangolo e per poco non trova la prima rete stagionale. Voto 6
All. Giampaolo:
non un bel Milan di sicuro, ma rispetto ad Udine le maglie sono più serrate e le trame tattiche più precise grazie anche alla regia di Bennacer. Insomma, c'è da lavorare, ma era fondamentale arrivare alla sosta con un po' di fieno in cascina. Voto 6

Le contropagelle del Milanologo 
Donnarumma 6.5:
Toglie le castagne dal fuoco con un super intervento nel primo tempo, il resto è ordinaria amministrazione. 
Calabria 5.5: Cerca con qualche discesa sulla fascia di dare man forte a Suso, in fase difensiva qualche dormita di troppo.
Musacchio 6.5: Partita attenta senza troppi svolazzi favorito dalla pochezza degli avanti bresciani.
Romagnoli 6: A volte in ritardo deve ricorrere a qualche fallo, per il resto la partita desta poche preoccupazioni. 
Rodriguez 6: Classica prestazione scolastica dello svizzero che senza infamia e senza lode raggiunge la sufficienza.
Bennacer 7: Il playmaker tascabile debutta dal primo minuto e con fosforo geometrie e qualche buona verticalizzazione prende in mano le chiavi del centrocampo rossonero. 
Kessie 6: Scava solchi nella mediana avversaria con le sue sgroppate, anche se al momento di concludere rimane il solito pasticcione.
Chalanoglu 6.5: Ha il merito di segnare il gol partita, anche se nel resto del match combina ben poco.
Suso 6.5: Con un assist al bacio di destro, conferma che il suo ruolo è la fascia. Si accende a tratti, quando lo fa si accende anche il Milan.
Castillejo 5: Tanta corsa ma soprattutto molta confusione, da seconda punta proprio non ci siamo.
Silva 5.5: Dopo due anni riassapora l'emozione di giocare a San Siro non riuscendo però ad emozionare la platea.
Piatek 6: Escluso a sorpresa sembra per ora l'ombra del bomber ammirato lo scorso anno. Sbaglia un gol clamoroso a tu per tu col portiere, sfortunato invece quando la palla danza sulla linea.
Paqueta 6: Trenta minuti dove non mostra nulla di brasiliano se non un bel diagonale che si stampa sul palo.
Borini S.V.: Solo 8 minuti per il buon Fabio.
Giampaolo 5.5: Le sue scelte tattiche e di formazione ancora non convincono, ma almeno oggi i tre punti sono stati portati a casa.