Bologna-Milan 2-3, pagelle rossonere: Theo come Penelope, Jack è il match winner!

I voti del match del Dall'Ara
08.12.2019 23:10 di Carlo Tagliagambe Twitter:    Vedi letture
Bologna-Milan
Bologna-Milan

BOLOGNA-MILAN 2-3

Le pagelle di Carlo Tagliagambe

MILAN (4-3-3)
Donnarumma:
può poco nulla sia sulla deviazione di Theo che sul rigore di Sansone, che non riesce a neutralizzare solo per una questione di centimetri. Voto 6
Conti:
pienamente recuperato da un punto di vista fisico è di fatto un nuovo acquisto e, dopo aver messo altra benzina nelle gambe, tiene testa ad un cliente difficile come Sansone senza voler strafare nella metà campo avversaria. Voto 6
Musacchio:
qualche errore di troppo nelle scelte di tempo e nelle uscite. Il 37enne Palacio gli sguscia via come un'anguilla in almeno un paio di occasioni: non esattamente un segnale confortante...Voto 5,5
Romagnoli:
tampona Orsolini al 90'+ 4 e, di fatto, salva il risultato con un uno contro uno interpretato magistralmente. Voto 7
Theo Hernandez:
fa e disfa la partita, manco fosse la tela di Penelope. Fa, perché è suo il gol del momentaneo 2-0, perfetto in quanto a tempismo ed esecuzione, disfa perché lo stesso tempismo gli è fatale in occasione del fallo su Orsolini che provoca il rigore. Ma nel complesso resta una gara positiva: Theo è una spina nel fianco della difesa felsinea, nonchè il capocannoniere del Milan insieme a Piatek. Voto 6,5 
Kessie:
cresce alla distanza come un diesel e, dopo un primo tempo titubante, trova la quadra nella ripresa dimostrandosi energico al punto giusto nel mettere in banca il pallone. Voto 6
Bennacer:
un'ora di qualità e intensità, come dimostrano i tanti palloni prima sradicati dai piedi degli avversari e poi ridistribuiti tra i compagni. Voto 6,5 
dal 70' Biglia:
preziosa esperienza nel finale. Voto 6
Bonaventura:
anima e core di questo Milan. Grinta, dinamismo e intensità, tutto in una sola carta: il Jack di cuori capitato tra le mani di Pioli nel momento più delicato della stagione, la carta che può cambiare le sorti di una partita iniziata tra mille difficoltà. Voto 7
dal 79' Paquetà:
dieci minuti scarsi in cui perde troppi palloni e vanifica un'azione offensiva con un tacco francamente inutile. Voto 5
Suso:
ispirato come non lo si vedeva da tempo, disegna magistralmente il tracciante per il raddoppio di Theo ed è capomastro anche nell'architettura dell'azione che vale il tris. Voto 6,5 
Piatek:
tre sostituzioni (e relative bocciature) consecutive hanno pungolato il Pistolero che c'è in lui. Gioca finalmente una partita al servizio della squadra, si conquista e trasforma il rigore della vittoria e dialoga in maniera positiva con i colleghi di reparto. Voto 6,5 
Calhanoglu:
meno protagonista rispetto alle recenti uscite, ma comunque ingranaggio importante nella macchina di Pioli. Voto 6
dall'84' Castillejo:
quasi mette il punto esclamativo sul match con un tiro alzato in corner (non visto dall'arbitro) da Skorupski. Voto 6
All. Pioli:
settimana dopo settimana sta uscendo fuori il suo Milan. Un lavoro certosino, il suo, che sta dando i suoi frutti sul piano del gioco (nettamente migliorato), della mentalità (finalmente audace) e della classifica. E' chiaro però che siamo solo all'inizio dell'opera. Voto 7


Le contropagelle del Milanologo 

Donnarumma 6:
Inizia la partita con errore in appoggio che fortunatamente non crea problemi, incolpevole sui gol, il resto del match è ordinaria amministrazione 
Conti 6: Prestazione meno brillante rispetto a quella della settimana scorsa, comunque si guadagna la sufficienza.
Musacchio 5.5: Ogni tanto si perde Palacio con qualche uscita fuori tempo, nel resto del match controlla tranquillamente la pochezza degli avanti avversari.
Romagnoli 6:
Serata abbastanza serena senza troppi grattacapi, comunque la sua partita è attenta e precisa.
Hernandez 6: Croce e delizia della serata, si conferma un'ira di Dio in fase offensiva ma i palloni persi in fase difensiva, l'autorete e soprattutto lo stupido rigore regalato rischia di rovinare la sua partita e quella del Milan.
Benaccer 6.5: Regia precisa e di buona qualità, nonostante il fardello dell'ammonizione riesce bene anche nella fase di interdizione.
Kessie 6: Partita di muscoli e sostanza senza i soliti errori che ne hanno caratterizzato le prestazioni di questo inizio stagione.
Bonaventura 7: Non sarà esplosivo e dinamico come prima dell'infortunio ma l'intelligenza tattica, la tecnica e i gol sono sempre nel suo bagaglio di centrocampista moderno.
Suso 6: Splendido l'assist per il gol di Theo ma per lunghi tratti della partita si assenta dal gioco anche se le poche cose che fa le fa bene.
Piatek 6.5: Finalmente una discreta partita del pistolero che si procura e realizza il gol che apre il match, condisce la sua presentazione con una buona presenza in attacco.
Chalanoglu 5.5: Non certo la migliore esibizione del turco, molto fuori dal gioco rispetto a Parma si fa notare solo per una bella volee di destro neutralizzata dal portiere avversario.
Biglia 6: Venti minuti diligenti senza creare danni ed è già qualcosa.
Paqueta 6: Entra anche lui nel finale senza lasciare grandi tracce di sé.
Castillejo 6: Sfiora in un paio di occasioni il gol nei pochi minuti a lui concessi.
Pioli 7: Seconda vittoria di fila e classifica che migliora di giornata in giornata come il suo Milan. Il merito è sicuramente molto suo.