Andrea Agnelli spiega: "Noi juventini, fatti per cambiare"

Il presidente bianconero spiega l'addio di Allegri
19.05.2019 08:00 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Allegri
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Allegri

Metti una sera a cena con il presidente Andrea Agnelli e la "Roccia" Andrea Barzagli. Per i 250 J1897 Members arrivati da tutta Italia e da tutto il mondo (Svizzera, Slovacchia, Regno Unito, Austria, Romania, Lussemburgo, Germania e Ecuador) la grande occasione e' arrivata ieri nel corso del J1897 Day, sesta edizione che si e' svolta presso il Club "Gianni e Umberto Agnelli" all'interno dell'Allianz Stadium. Nel giorno dell'ufficialita' della separazione con Massimiliano Allegri, il presidente bianconero dopo aver rimarcato il successo del progetto J1897 ("lo scorso anno contava 10.000 Member affiliati, ora 21.000)", ha dedicato un pensiero alla stagione ormai agli sgoccioli e uno sguardo al futuro: "Partire il 1° luglio e pensare che vincere lo scudetto sia un dato di fatto e' bello, ma non e' cosi', perche' dietro ogni successo ci sono lavoro e sudore - ha sottolineato Agnelli - Il tratto distintivo del nostro club e' sempre stato la capacita' di innovare, di vedere il futuro prima degli altri. Da un lato, in qualita' di Presidente dell'Eca, sono concentrato, insieme agli altri soggetti interessati, a ridisegnare il calcio del futuro".