Inter-Pordenone 5-4 d.c.r.: Nagatomo e Padelli eroi di Coppa, gli altri deludono

Le pagelle di Inter-Pordenone: gara valida per i quarti di finale di TIM Cup 2017-2018
 di Andrea De Boni  articolo letto 58 volte
Nagatomo
Nagatomo

PADELLI: dietro i nerazzurri rischiano non poco e lui è bravo a deviare sul palo un tiro ravvicinato. Sicuro e preciso nelle uscite. Poi ci sono i due rigori parati e il terzo sparato alto dal Pordenone. Bene così Voto 7

NAGATOMO: alla fine è lui l'eroe di Coppa. Trasforma il rigore decisivo e regala il potenziale derby di Natale (Verona permettendo) ai tifosi interisti. Voto 6,5

SKRINIAR: impegnato poco, si destreggia tranquillamente nella sua zona di competenza. Gioca di fisico sugli avversari ed ha sempre la meglio. Voto 6

RANOCCHIA: guidato dal suo compagno di reparto vive una serata senza troppi pensieri. Prestazione normale che però aumenta la fiducia per un giocatore da recuperare assolutamente. Voto 6

DALBERT: assenza di personalità e una timidezza che prende il sopravvento. Il risultato è che in fase di spinta non lo si vede mai. Voto 5

Dall’ 80’ ICARDI: entra ma non lascia il segno. 5,5

GAGLIARDINI: uno dei pochi che si salva. Un paio di conclusioni pericolose da fuori area, pulito e preciso in fase di interdizione. Voto 6

VECINO: molto lento nella costruzione della manovra, fatica non poco ad inserirsi in zona offensiva. Mai pericoloso. Voto 5

CANCELO: esclusa una bella percussione sulla fascia sinistra con assist finale sprecato malamente da Karamoah, la partita dell’ex Valencia è tutt’altro che convincente. Lento, sembra quasi svogliato. cerca sempre la soluzione più difficile al posto di giocare semplice con i compagni di reparto. Leggermente meglio nella parte finale del match ma non basta. Voto 5

EDER: solita voglia e corsa però mai pericoloso veramente. Messo nella ripresa da Spalletti come prima punta dimostra evidenti carenze fisiche per poter giocare unica punta. Voto 5

KARAMOH: sbaglia 2 gol già fatti e se il Pordenone rimane in partita il “merito” è anche suo. Ha giocato poco, unico alibi per una serata molto negativa. Voto 4.5

Dal 67’ PERISIC: sbaglia un gol facile facile ma quando la palla passa da lui per la difesa friulana sono tutti potenziali pericoli. Voto 5.5

PINAMONTI: paga i ritmi lentissimi e la manovra compassata della squadra. Svaria molto sul fronte difensivo ma palloni giocabili neanche l’ombra. Gioca comunque meglio di altri ma esce per scelta tecnica. Da rivedere. Voto 5.5

Dal 46’ BROZOVIC:  manca la continuità, come troppo spesso già accaduto. Voto 5,5


ALL. SPALLETTI: la squadra entra in campo lenta e svogliata, probabile che il tecnico non sia riuscito a dare le giuste motivazioni ai giocatori. La Coppa Italia in questo momento non è la priorità ma è ingiustificabile la prestazione dei nerazzurri. Voto 5