VIDEO - Quella volta che Berardi si giocò a poker la panchina di Allegri...

 di Carlo Tagliagambe Twitter:   articolo letto 340 volte
Berardi
Berardi

Domenico Berardi, quattro lampi che squarciano la nebbia del Mapei Stadium di Reggio Emilia. L'allora diciannovenne attaccante neroverde decide, con quattro reti d'autore, il destino di Massimiliano Allegri, che verrà esonerato da Silvio Berlusconi di lì a poche ore dopo la disfatta emiliana. Sarà l'inizio della breve parentesi Seedorf che si concluderà di lì a pochi mesi al termine dell'ultima gara di campionato, sempre contro i neroverdi...

SASSUOLO-MILAN 4-3 

Sassuolo (4-3-3): Pegolo; Gazzola, Antei, Ariaudo, Longhi; Magnanelli, Kurtic (42' Marzoratti), Chibsah; Berardi (32' st Schelotto), Zaza (39' st Floro Flores), Ziegler. A disp.: Pomini, Rosati, Pucino, Rossini, Missiroli, Valeri, Marrone, Farias, Gilozzi. All.: Di Francesco.

Milan (4-3-2-1): Abbiati; De Sciglio, Zapata, Bonera, Emanuelson; Cristante (10' st Pazzini), De Jong, Nocerino (10' st Montolivo); Kakà, Robinho (20' st Honda); Balotelli. A disp.: Gabriel, Coppola, Zaccardo, Silvestre, Mexes, Rami, Saponara, Poli, Matri. All.: Allegri.

Arbitro: De Marco

Marcatori: 9' Robinho (M), 13' Balotelli (M), 15' Berardi (S), 28' Berardi (S), 41' Berardi (S), 2' st Berardi (S), 41' st Montolivo (M)

Ammoniti: Antei, Ziegler, Zaza, Gazzola, Pegolo (S); Bonera, Balotelli, De Sciglio (M)