26 Settembre 1999, il siluro di Almeyda disintegra il Parma: Lazio corsara al Tardini!

Il mediano argentino pesca il jolly e regala alla Lazio un successo fondamentale.
26.09.2019 11:00 di Gabriele Cantella   Vedi letture
Almeyda
Almeyda

26 settembre 1999, il Parma di Alberto Malesani brama tre punti vitali, che ridarebbero ossigeno ai gialloblù, da tempo in apnea. L'avversario non è dei più comodi, la Lazio di Eriksson, lanciatissima in classifica e mai come quest'anno in corsa per uno scudetto che ai biancocelesti manca da quasi un quarto di secolo. Alla mezz'ora capitolini in vantaggio con Salas, che raccoglie una corta respinta di Cannavaro a centro area e in mischia mette il pallone alle spalle di Buffon, sfruttando una sfortunata deviazione di Boghossian. Il Parma non molla ed è proprio Boghossian a trovare il pareggio, riscattando il precedente errore con determinazione rabbiosa. Quando il match pare ormai irrimediabilmente incanalato sul binario di un pari che servirebbe poco a entrambe, il mago Almeyda tira fuori dal cilindro il gol-partita, destinato a divenire di diritto il gol dell'anno: Thuram respinge un cross dalla sinistra di Sensini, il pallone spiove ai 35 metri verso il numero 25 biancoceleste, che lo impatta al volo di esterno sinistro spedendolo nel sette, lì dove Gigi Buffon non può arrivare.