Carra...Armato Rossonero: Vecchio cuore rossonero!

Il punto in casa Milan a firma del Milanologo
26.11.2018 10:03 di Redazione Calcissimo   Vedi letture
Gattuso
Gattuso

Doveva essere una disfatta, doveva finire tanti a pochi avremmo dovuto imbarcare acqua in difesa da tutte le parti, questi erano i rumors e le previsioni di tanti addetti ai lavori e tifosi prima del match di ieri sera. Opinioni sicuramente rispettabili e giustificate dalla serie di infortuni a catena che ha colpito i rossoneri nelle ultime due settimane, che hanno fatto spostare il ritiro classico di Milanello a un più confortevole e calzante Lourdes.

Invece alla fine della partita la squadra che esce con dei rimpianti dallo spareggio Champions dell'Olimpico è proprio il Milan, che seppur rabberciato e con una rosa ridotta all'osso ha sfiorato l'impresa di uscire con il bottino pieno, impresa sfumata solo al terzo di recupero con una conclusione di Correa.          Bisogna essere onesti il pareggio è di sicuro il risultato più giusto se si analizza in maniera obbiettiva la partita, ma è pur vero che questo risultato e soprattutto questa prestazione in condizioni di emergenza, potrebbe dare alla squadra e a tutto l'ambiente la convinzione e la consapevolezza che in questa stagione si possa lottare fino alla fine per il quarto posto quindi per la qualificazione in Champions, nostro habitat naturale.

Gattuso ha fatto di necessità virtù ed è riuscito ad incartare bene il match al tanto osannato allenatore avversario Inzaghi, lasciando giusto il minimo sindacale agli attacchi biancocelesti e di tanto in tanto pungendo in contropiede. Controcorrente nel pre partita ero convinto che il Milan avrebbe fatto questo tipo di prestazione perchè il nostro allenatore, questo lo dice il suo passato da tecnico, è molto più bravo quando bisogna preparare partite difensive rispetto a quando deve incontrare difese arcigne e chiuse. Aggiungiamoci pure l'animus pugnandi che la squadra ha messo sul terreno di gioco ed ecco confezionato un punto prezioso per la classifica e per il morale di tutta la truppa. 

Se dovessi proprio muovere un appunto al Mister per ieri sera forse un paio di cambi a match in corso (Laxalt per Borini e Castillejo per Cutrone) anche solo per rompere il ritmo avversario e avere qualche gamba più fresca andavano fatti, ma non credo che ciò abbia inficiato sul risultato finale. Come sempre nel calcio come nella vita sono abituato a vedere il bicchiere mezzo pieno quindi credo che i tifosi debbano essere più che soddisfatti sia del risultato che della prestazione nonostante la vittoria sia sfumata proprio sul filo di lana.

La partita più complicata sarà invece quella di domenica a pranzo con il Parma, dove con questi probabili undici dovremmo fare una partita propositiva e dove avremmo l'obbligo dei tre punti per confermare la nostra posizione in classifica.

Un vecchio saggio diceva che " quando i pensieri belli e nuovi cominciarono a scacciare via gli antichi pensieri negativi, la vita torno a soffiare,il sangue riprese a scorrere nelle vene e le energie tornarono".....ieri sera la squadra ha dimostrato che il sangue è tornato a scorrere grazie al Vecchio Cuore Rossonero che è tornato a battere e a pomparlo, ora sta alla squadra all'allenatore e ai tifosi far tornare a nuova vita il nostro caro amato Milan.

 

Firmato

Il Milanologo